Curiosità

Curiosità

Rilevamenti archeologici hanno dimostrato che l'olivicoltura veniva praticata in Sicilia nelle fattorie fenicio-cartaginesi e che in Etruria era radicata e diffusa già nel VI° secolo a.C. del resto in Italia si trovano ulivi millenari più vecchi di Tarquinio Prisco.Vicino a Roma a Canneto sabino nel Lazio è tuttora presente un gigantesco albero di ulivo che è stato considerato il più vecchio d’Europa, si è stabilito, attraverso l’esame del Carbonio C14, che la data di nascita di questo esemplare risale ai tempi del quarto re di Roma (Anco Marzio). Oltre sei metri di diametro del tronco, esso risulta  l'albero d'ulivo più grande del nostro Continente, oltre alle citazioni riportate sui siti degli enti locali. in provincia di Sassari si ritiene che vi sia un ulivo ancora più grande: il solo tronco supererebbe i 13 metri di diametro, la chioma larga 21 metri e si stima abbia 3000 anni. Nei tempi antichi l'ulivo era considerato un albero immortale questo perché il legno dell'ulivo ha una particolare resistenza al decadimento organico. Se il fusto centrale muore, l'ulivo sfrutta la sua grande capacità di riprodursi in una nuova pianta, che nascerà dal "colletto" alla base del tronco.

Redazione Kopral Scritto da Redazione Kopral